http://www.piazzaffari.org

 

Corso di analisi tecnica - 8^ lezione -

dott. Natale Lanza

per iscriverti invia una mail a

didacta-subscribe@yahoogroups.com

e fai un reply di conferma alla notifica che arriva da yahoogroups


piazza10.gif (4630 byte)

Per iscriverti alle altre Newsletters di Piazzaffari clicca sul banner

Molti dei tuoi amici vorrebero partecipare alle lezioni online di
Didacta e non lo sanno, informali!

********************************************************


TENDENZA E CONGESTIONE




Lo sviluppo di un ciclo completo di mercato passa attraverso una serie di fasi, rigorosamente classificate sotto il profilo teorico, che caratterizzano situazioni specifiche.

Si possono individuare:

n una fase di “accumulazione” durante la quale le “mani forti”
rastrellano grossi quantitativi di titoli evitando accuratamente di fare
pressione sui prezzi che, quindi, si muovono lateralmente all’interno di
minimi e massimi pressoché costanti per qualche tempo;

n una fase di “espansione” durante la quale gli stessi protagonisti dell’accumulazione, avendo rastrellato ingenti quantitativi di titoli, considerano giunto il momento di fare pressione sulle quotazioni per accrescere il valore dei loro acquisti; a questi soggetti si aggiungono sia coloro che si accodano alla tendenza rialzista appena iniziata che gli scopertisti i quali si affrettano a chiudere le loro posizioni;

n una o più fasi “riaccumulazione” caratterizzate da prese di beneficio e da eventuale riassunzione di posizioni lunghe sia da parte dei precedenti soggetti che da parte di nuovi arrivati;

n una fase di “distribuzione”, che segna il culmine della precedente fase di espansione, caratterizzata dalla liquidazione delle posizione lunghe con contestuale sostegno delle quotazioni;

n una fase di “flessione” caratterizzata dalla prevalenza delle posizioni ribassiste e dalla liquidazione delle posizioni lunghe precedentemente assunte;

n una o più fasi di “redistribuzione” che interrompono temporaneamente la fase di flessione;

n una nuova fase di “accumulazione” e il ciclo riprende.

L’identificazione delle varie fasi di mercato, interessante sotto il profilo teorico, lo è un po’ meno sotto l’aspetto pratico sia per la difficoltà, e spesso l’impossibilità, di determinare lo stato corrente prima che il successivo si sia chiaramente sviluppato e sia per l’impossibilità di prevederne in anticipo violenza e durata.

La classificazione, tuttavia, ci permette di individuare due ben distinte dinamiche di mercato:

n tendenza (espansione e flessione);

n congestione (accumulazione e distribuzione).

Anche in questo caso si tratta, purtroppo, di una distinzione che sposta i termini del problema ma non fornisce chiare indicazioni risolutive. E’infatti necessario attendere che l’evoluzione abbia fatto gran parte del suo corso prima di poter correttamente classificarne lo stato.

Non si tratta, d’altronde, di pura questione terminologica dal momento che,a ciascuna delle due fasi, devono corrispondere ben precisi atteggiamenti operativi: nel caso di tendenza definita, cioè, si asseconda il mercato muovendosi in sintonia con la sua direzione; nel caso di congestione,invece, si tenta di cogliere minimi e massimi di movimenti minori operando, sostanzialmente, in controtendenza.



Tendenza

Abbiamo già fatto cenno alle tendenze nel capitolo relativo ai charts. Ci sembra opportuno, adesso, approfondirne alcuni aspetti.

Vengono solitamente individuati tre tipi di tendenza:

n primaria; di durata pluriennale, esprime la direzione di fondo del mercato;

n secondaria; esprime dei movimenti di durata inferiore a quella della tendenza primaria, nella stessa direzione o in direzione contraria; questi movimenti, in un grafico, si presentano come ampie oscillazioni al disopra o al disotto della trendline di lungo periodo;

n minore; si comporta nei confronti della tendenza secondaria così come quest’ultima si comporta nei confronti della primaria.

E’ evidente che la classificazione citata è solo una classificazione di larga massima e non esaurisce tutte le possibilità; è intuibile infatti che, nell’ambito di ciascuna tendenza, è possibile individuare delle tendenze di livello immediatamente inferiore a partire dai lenti movimenti pluriennali e scendendo via via fino ai micromovimenti infragiornalieri: il fenomeno, quindi, ha proprietà frattali nel senso che presenta sempre le stesse caratteristiche ai vari livelli.

Scoperto questo, non è che abbiamo fatto notevoli passi avanti sotto il profilo pratico. Sappiamo già che, una volta definito il nostro atteggiamento operativo, il compito principale è quello di individuare il tipo di tendenza più coerente per lo sfruttamento dei movimenti di mercato tendendo presente che, più è lungo il periodo di riferimento della tendenza, maggiori sono le oscillazioni alle quali dovremo assistere senza intervenire. Fra l’altro, mentre è sufficiente che la quotazione violi di poco una brevissima trendline perché possa essere ipotizzata la fine della tendenza in atto, è necessario che una trendline di lungo periodo venga violata abbondantemente prima di giungere alle medesime conclusioni.

Da non sottovalutare, nelle nostre scelte, una considerazione estremamente importante: minore è la durata della tendenza presa in considerazione,maggiore è il rumore, cioè quella volatilità impressa al mercato da comportamenti estemporanei dettati da fattori del momento, quindi improvvisi ed imprevedibili.

Questo significa che l’atteggiamento verso il mercato non può rimanere sempre costante in quanto ogni tipo di operatività richiede delle tecniche specifiche: più si allunga il periodo di osservazione e più i sistemi da adottare saranno del tipo trend following. Al limite, anche una semplicissima operatività fondata sull’osservazione dell’incrocio tra prezzi e media mobile può risultare più che adeguata in un lungo periodo di tendenza definita; il ritardo delle segnalazioni connesso a tale sistema sarà più che compensato dall’utile prodotto dalla fase in cui resteremo nella direzione giusta del mercato.

Viceversa, un sistema trend following applicato a un brevissimo periodo di osservazione, caratterizzato da rumore piuttosto che da tendenza, non produrrebbe alcun profitto e dovrebbe essere invece sostituito da un sistema imperniato sulla volatilità, in grado quindi di cogliere le oscillazioni piuttosto che la direzione.

Congestione

Durante i periodi di congestione il mercato si muove lateralmente,oscillando tra minimi e massimi. Anche in questo caso, naturalmente, non si può prescindere dal fattore tempo. Una congestione di breve periodo,inserita in un trend secondario, non assume alcuna rilevanza per chi opera sul trend primario così come in una congestione rilevabile su un movimento pluriennale si possono individuare dei movimenti ascendenti e discendenti di periodo minore che rappresentano delle vere e proprie tendenze.

Comunque, una volta definito il periodo di osservazione, occorre attendere qualche tempo prima di verificare l’avvio di una fase di movimento
laterale. A quel punto, a meno che non si decida di sfruttare le tendenze presenti nei movimenti oscillatori, si può anche optare per una operatività in controtendenza comprando sui minimi di ciascuna oscillazione e vendendo sui massimi, pronti a riparare all’errore non appena la quotazione dovesse perforare i livelli di supporto o di resistenza (breakout) segnalando la fine della congestione e l’avvio di una nuova fase di tendenza definita.

Non esistono tecniche affidabili per l’individuazione e lo sfruttamento di
fasi di congestione: in proposito sono stati ideati e costruiti indicatori di vario tipo che, più che risolvere il problema, il più delle volte determinano ulteriore incertezza.

La soluzione migliore è probabilmente quella dell’osservazione del grafico accompagnata dall’utilizzo di oscillatori che misurano situazioni di ipercomprato e ipervenduto in prossimità di massimi e minimi e di indicatori di velocità che misurano il rallentamento del movimento in prossimità dei punti di svolta.
 


      

Ritorna al sommario

 

 

Copyright ©1998-2001 All Rights Reserved.